Ridurre i rischi da Vaccino nei Neonati

autismo 0012Di Nu Burg: ESSERE PRO O CONTRO I VACCINI: E’ DAVVERO QUESTO IL PUNTO?  Sono posizioni estreme e spesso vengono prese in modo ideologico o emotivo. Io mi rivolgo ai genitori che hanno deciso di vaccinare, offrendo questi spunti di riflessione e suggerimenti per poter tutelare comunque i loro bambini. Avere cognizione di causa è una scelta molto responsabile, poichè occorre soprattutto far si che una pratica non nuoccia. E’ fatta premessa che questo post non nasce per dissuadere i genitori dalle pratiche di vaccinazione, ma semplicemente per cercare di ridurre al minimo i rischi legati alle vaccinazioni, soprattutto in bambini geneticamente predisposti ad avere difese immunitarie immature, che abbiano avuto una storia di gestazione e nascita difficoltosa o che abbiano alla nascita ricevuto diagnosi con implicazioni neurologiche, bambini nati sottopeso, con sofferenza, con la presenza in famiglia, di dislessie, disprassie, autismo.

è vietato il copia incolla, è possibile linkare la pagina. http://www.nuburg.it/vaccino

1 Utilizzare vaccini senza conservanti o additivi neuro-tossici. Nemmeno come residui di lavorazione, leggete quindi attentamente ogni scritta riportata nella confezione, chiedete preventivamente, il nome del vaccino che verrà usato e fate le vostre ricerche in merito: i vaccini contenenti mercurio vengono ancora prodotti o distribuiti, sono ancora in commercio. Ricordatevi che conservanti neurotossici potrebbero essere comunque presente come residui di lavorazione, e quindi senza obbligo di segnalazione. Occorre la certezza.

2 Evitate la somministrazione di vaccini combinati: gli effetti collaterali si sommano, mentre l’unico beneficio è la praticità e l’evitare di andare alla ASL qualche volta in piu’. Somministrare assieme non aumenta l’efficacia del vaccino. Inoltre potreste voler vaccinare per la pertosse ma non per la rosolia: questa scelta dovete poterla fare. Per voi potrebbe non aver senso vaccinare un neonato maschio sano contro la rosolia.

3 Chiedete un programma di vaccinazione più distanziato – non somministrate vaccinazioni multiple nello stesso giorno. Alcuni bambini non sono in grado di smaltire il carico tossico, per qualcuno è invalidante a vita, potreste accorgervi dei danni neurologici anche a distanza di molti anni, quando al bambino verranno richieste abilità specifiche e specializzate come parlare, camminare, difendersi, la lettura, la scrittura, la capacità di formulare concetti.

4 Se si decide di somministrarlo, separare le 3 componenti del vaccino MMR: esistono in commercio anche separate, quindi chiedete come ottenerle separatamente

5 Chiedete espressamente di utilizzare vaccini contenuti in fialette monodose

6 Chiedete di non vaccinare i bambini piccolissimi, soprattutto se nati prematuri, se hanno avuto una nascita complessa o hanno problemi di salute, soprattutto se legati ad una qualche immaturità neurologica o sofferenze alla nascita. Stabilite un programma di vaccinazione più lento e distanziato. Vaccinare potrebbe non essere obbligatorio, nella vostra regione e quindi nessuno potrebbe rispondere dei danni causati da una errata e frettolosa pratica di vaccinazione.

7 Prendete ogni precauzione se si è verificata una precedente reazione negativa. (febbre, dolori diffusi, sonnolenza atipica, inappetenza, convulsioni, tremori… )

8 Non vaccinare bambini ammalati o in via di guarigione da infezioni o malattie esantematiche, soprattutto se è stato somministrato antibiotico. Molti bambini hanno avuto problemi neurologici proprio a seguito di vaccinazioni in concomitanza di malattie ed antibiotici.

Specifichiamo:
Che non abbiano malattie metaboliche: candida, parassiti intestinali, alterazioni della flora batterica per esempio, stitichezza o diarrea, reflusso frequente, malattie della pelle che sono sintomatiche di problemi intestinali, vomito frequente, se allattato artificialmente: che non abbiano avuto reazioni al latte artificiale
Che non abbiano malattie infettive in corso e/o che non abbiano appena fatto delle malattie infettive per cui hanno preso farmaci: occorre la certezza assoluta, fate esami del sangue, se necessario. Fatevi aiutare dal vostro medico a ripulirli dai farmaci presi in modo che questi non interferiscano con i vaccini.
Che non abbiano in corso processi infiammatori: fate tutti i controlli possibili per escluderlo con certezza.
Che non abbiano in corso malattie immunitarie
Che non abbiano in corso reazioni allergiche, se sospettate reazioni allergiche, approfondite con molta cura l’argomento
Che non abbiano nessuna malattia all’apparato respiratorio/orecchio/naso/gola
Che non soffrano di apnee notturne
Di tutti questi controlli conservate i risultati delle analisi e iààò certificati di ogni specialista che vi dichiari lo stato di buona salute.

09 Non somministrare vaccini contenenti virus vivi in bambini immunosoppressi

10 Accertatevi che il bambino non sia un soggetto allergico, verificate che non vi siano allergeni noti nei vaccini che gli verranno somministrati . Assicuratevi dunque che il bambino non abbia una di queste allergie: uova, neomicina, lievito

11 Cercate di evitare il vaccino della varicella fino alla pubertà

12 Il Richiamo viene fatto di Routine e spesso non servirebbe nemmeno, se il bambino ha sviluppato gli anticorpi alla prima somministrazione: Prima di fare i richiami, chiedete che vengano fatti gli esami per la ricerca degli anticorpi specifici, da fare in un qualsiasi laboratorio attrezzato: se sono presenti fare il richiamo è INUTILE, un rischio inutile: PRETENDETE DI FARLI, QUESTI ESAMI.

13 Chiedete al vostro pediatra che venga fatta una cura per rinforzare, prima e dopo la somministrazione del vaccino, le difese immunitarie del vostro bambino. Molti pediatri prescrivono vit. C ed A o Omega3 a dosi terapeutiche. Oggi i pediatri coscenziosi fanno già queste cose: se il vostro medico vi ride in faccia… cambiate medico.

14 Prima e dopo la vaccinazione, far seguire al bambino una dieta molto ricca di verdure, ortaggi, centrifugati freschi. Somministrare probiotici, evitare un carico eccessivo di cibi e bevande dolci.

E’ un vostro diritto assoluto:

1 Ricevere in anticipo il bugiardino contenente tutte le informazioni del vaccino che gli verrà somministrato (chiedete espressamente il bugiardino che viene consegnato ai medici, non quello al pubblico: ci sono molte differenze, vale la pena sapere che non sapere). Questo è un obbligo per qualsiasi farmaco, vaccino compreso, in modo da poterlo leggere e valutare con calma, qualche giorno prima della vaccinazione.

2 Ricevere, contestualmente alla vaccinazione, il nome del vaccino usato, l’anno di produzione, il lotto di provenienza, il modo di somministrazione

A tutela si suggerisce di:

A – Prima di far vaccinare un bambino, fategli fare controlli approfonditi anche sulle abilità acquisite e fare mettere per iscritto il suo stato di buona salute. Al di sotto dell’anno di vita fate controllare il bambino da un neurologo per controllare lo stato di tutti i suoi riflessi primitivi e posturali: dovesse accadere qualcosa, avrete in mano un documento valido per assegnare le responsabilità.

B – Se, dopo un vaccino notate febbre ed altri sintomi anomali ricoverate il bambino e pretendete accertamenti immediati.

C – Qualsiasi rassicurazione vi dia un medico, fatevela mettere per iscritto.

D – Non firmate documenti che possano attribuire alla vostra responsabilità qualcosa che invece è prescritto per legge

E – La scienza deve dare risposte SCIENTIFICHE: qualunque medico o struttura faccia leva sulla vostra emotività o ridicolizza le vostre domande non si sta comportando in modo scientifico: rivolgetevi solo a chi spiega con pazienza e serenità la scienza con la scienza. Tutto il resto è imbroglio.

è vietato il copia incolla, è possibile linkare la pagina. http://www.nuburg.it/autismo/vaccino/

Miti da Sfatare:

1 – L’autismo è causato esclusivamente dai vaccini: come è falso dire che il vaccino è innocuo (non lo è, i bugiardini che vengono consegnati ai medici parlano chiaro) è anche falso dire che tutti i bambini autistici lo diventano in seguito alle vaccinazioni. L’autismo è determinato da una concausa di fattori: un bambino gracile alla nascita, o che presenta dei riflessi primitivi o posturali attivi o mai sviluppati, in concomitanza di una febbre o influenza curata con farmaci vari, magari anche con un pizzico di fragilità al sistema immunitario SE VACCINATO è molto probabile che risulti “poco compatibile” con la vaccinazione che gli si vuol fare e che il vaccino, che già di suo è molto invasivo, diventi la ciliegina sulla torta, possa renderlo autistico, o cerebroleso, o ADHD o fisicamente o/e metabolicamente danneggiato: I PROTOCOLLI UFFICIALI PREVEDONO BENE I CASI IN CUI NON SOMMINISTRARE. Per molti bambini quindi può essere una causa scatenante laddove altrimenti la loro vita sarebbe stata normale, anche in presenza di delicatezze neurologiche o immunitarie. E’ per questo che consiglio grande cautela, vostro figlio è molto piccolo, queste predisposizioni potrebbero non essere rilevabili ad una rapida occhiata in una superficiale visita medica, potreste ritrovarvi a distanza di mesi, con un bambino neurologicamente disfunzionate, o a distanza di anni, con un bambino disprassico, o dislessico, o iperattivo…

2 – I medici sono infallibili: non è cosi, sono esseri umani, oggi più che mai spaventati dalle cause giuridiche intentate dai loro assistiti: se un medico sconsiglia i vaccini, sconsiglia psicofarmaci, sconsiglia chemio e radio, sconsiglia tac e risonanze magnetiche e radiografie e sorge un problema, vanno contro le direttive ufficiali dell’ordine a cui APPARTENGONO: cosi facendo i medici hanno le spalle scoperte e rischiano la professione e la rovina. Se invece un assistito subisce un grave danno a seguito di una di queste pratiche farmacologiche, i medici sono tutelati dall’impossibilità, per il paziente, di dimostrarne la correlazione. Molti medici consigliano in buona fede, non sono aggiornati, qualcuno purtroppo consiglia in malafede. La nostra salute è esclusivamente nelle nostre mani, stiamo sempre attenti a quel che introduciamo nel nostro corpo. Siate consapevoli

3 – Evidenza Scientifica: nonostante sia ad oggi uno strumento di validità o di invalidità delle pratiche mediche, l’evidenza scientifica è basata su dati statistici fatti su esseri viventi: per quanto accurata, nessuna ricerca scientifica potrà mai confermare o smentire nulla, ne tantomeno riesce a tenere conto di tutte le infinite variabili fisiche, personali, ambientali, educative, sociali di cui è composto un essere vivente, ne tantomeno sarà mai possibile definire dei gruppi omogenei, vista l’assoluta specificità di ogni essere umano e del contesto in cui vive e si sviluppa. Nessuno potrà garantirci l’innocuità o la nocività di un farmaco altamente invasivo come un vaccino. Gli Stati adottano leggi differenti e a volte opposte nell’approvare o nel rifiutare un vaccino, anche questo è un dato significativo di cui tenere conto.

4 – Pubblicità e Campagne di informazione/disinformazione: anche se ormai siamo abituati a credere che dicano il vero o curino i nostri interessi, questi sono strumenti di marketing aziendale o tecniche di condizionamento dell’opinione pubblica. Impariamo a ragionare con la nostra testa, fuori da ogni estremismo esiste il nostro buon senso.

5 – Roulette Russa: Non incrociate le dita e non giocate alla Roulette Russa decidendo della salute dei vostri figli: siate perfettamente consapevoli di quel che fate, qualunque cosa decidiate di fare, responsabilità e conseguenza sono vostre e di vostro figlio.

6 – I non vaccinati non veicolano malattie: tutti, potenzialmente veicoliamo malattie non esistono elementi sterili in natura, nemmeno tu che stai leggendo – Una buona percentuale dei vaccinati NON acquisisce immunità e non per questo è ritenuto pericoloso o da ghettizzare.

continua….

è vietato il copia incolla, è possibile linkare la pagina. http://www.nuburg.it/vaccino

Share Button

Lascia un commento